Bray – “Abolire le barriere per disabili”. Ability 2004 e Progetto S.I.T. In in Parlamento

Nella foto: la pagina de "Il Mattino" di ieri con l'interessante articolo di Nadia Verdile

Nella foto: la pagina de “Il Mattino” di ieri con l’interessante articolo di Nadia Verdile

Adesso siamo arrivati anche in Parlamento. Nel giro di un paio di mesi, le nostre attività, sono cresciute in maniera esponenziale. Noi di Ability 2004 e Progetto S.I.T. In ringraziano sentitamente sia Massimo Bray, ormai amico del progetto e la giornalista de “Il Mattino” Nadia Verdile.

Testo riportato integralmente da “Il Mattino” del 27 giugno 2014.

“Cinquanta centesimi di euro in più sul prezzo dei biglietti e mai più barriere architettoniche nei luoghi della cultura in Italia.
Lo ha chiesto Massimo Bray, già Ministro per i Beni Culturali, dopo aver incontrato il 5 giugno, a Caserta, i membri della Coop Ability 2004 che, presso l’EPT a Palazzo Reale, ha dislocato parte dei propri operatori, per fornire una prima accoglienza al turista con “bisogni speciali“, offrendo la possibilità di prenotare l’uso dello scooter elettrico, della carrozzina manuale o della golfcar, nonchè prenotare il servizio di mobilità esterna con l’utilizzo del pulmino fornito di pedana per essere trasportati alla destinazione concordata.

Si erano rivolti a lui per avere voce in Parlamento e così e stato. Bray ha presentato, ieri l’altro, nell’ambito del piano straordinario della mobilità turistica previsto dall’articolo 11 del dl, un emendamento per proseguire l’abbattimento delle barriere architettoniche nei centri culturali. “Il Ministero – ha spiegato l’ex Ministro – per assicurare la possibilità, anche alle persone con ridotta o impedita capacità motoria - sensoriale, di visitare i luoghi della cultura, istituisca un apposito “Fondo per la rimozione delle barriere architettoniche” pari ad euro 2 Milioni per l’anno 2014 e 4 milioni ciascuno per il 2015 e 2016“.

Alla copertura economica si provvederà con fondi di riserva e speciali del Ministero delle Finanze e mediante l’incremento del prezzo del biglietto di cinquanta centesimi.”

Nadia Verdile

Dalle parole dei nostri utenti: oltre la cultura, tanta umanità

golf car 1
Riportiamo di seguito la recensione inviataci da un nostro utente dopo aver usufruito dei nostri servizi.
“Dedizione, competenza, spirito di servizio. Non potrei definire diversamente l’assistenza ricevuta dai giovani ragazzi della Cooperativa Ability 2004 del progetto S.I.T.In che, in occasione della recente visita presso la Reggia di Caserta, hanno messo a disposizione il proprio tempo e le rispettive competenze per il solo gusto di testimoniare l’amore e il rispetto per la propria città.
Un impegno, svolto a titolo gratuito che si concretizza non soltanto nel relazionarsi con tutti coloro che, per diletto o consuetudine, visitano ogni giorno la Reggia, ma anche nell’ingegnarsi a trovare soluzioni inedite per le tante diverse esigenze. Intendo fare riferimento ai diversamente abili che, senza il loro particolare intervento, difficilmente troverebbero il modo o la possibilità di visitare le bellezze disseminate all’interno della struttura. Un rapporto non soltanto culturale ma soprattutto umano che questi giovani ragazzi hanno saputo costruire e sviluppare intorno a un valore fondamentale basato sulla solidarietà per la conquista della meta più ambita: la partecipazione a un progetto di vita e di cultura.
Intendo rivolgere un plauso a questa iniziativa privata, senza fini di lucro, che si caratterizza per competenza, dedizione e spirito di servizio e che si avvale di giovani, laureati umili ma umani e professionalmente preparati. Un servizio meritorio, svolto all’ombra dei riflettori, ma che offre, soprattutto ai meno fortunati, la possibilità di condividere le bellezze che caratterizzano questo formidabile polo d’attrazione dell’Umanità.”
Gianluca Di Muro da Roma
Per noi del Progetto queste parole, così come quelle di tutte le recensioni, fungono da sprone per migliorare il nostro servizio, incrementando il nostro bagaglio umano – culturale.
Ringraziamo ancora Gianluca Di Muro da Roma e tutti gli altri che spendono così tante belle parole per noi dopo aver trascorso una giornata tra giardini, palazzi e tanta cultura.

Progetto S.I.T. In e Reggia di Caserta: una combinazione che funziona

Nella foto: l'ultima recensione lasciata sulla nostra pagina Facebook da un nostro utente

Nella foto: l’ultima recensione lasciata sulla nostra pagina Facebook da un nostro utente

Il nostro Progetto inizia finalmente ad essere conosciuto anche dai cittadini casertani e questo grazie alla collaborazione da parte della biglietteria della Reggia di Caserta. Da quando siamo stati inseriti sul sito ufficiale della Reggia, assistenza disabili, abbiamo riscontrato un numero crescente di utenze e visite.

Nella mattinata di lunedì, 23 giugno 2014, abbiamo ricevuto la visita di un disabile con accompagnatore per usufruire dei nostri servizi, essendogli stati segnalati prontamente dal personale della biglietteria ufficiale di Palazzo Reale. Una volta che hanno raggiunto il nostro ufficio, compilato i nostri moduli, siamo partiti a bordo della golfcar in direzione Torrione. La nostra metodologia di guida socio – interattiva , completamente differente dagli standard, dove al posto della classica spiegazione dedicata quasi esclusivamente ai conoscitori dell’arte, fa in modo di instaurare un rapporto umano e culturale con i nostri utenti, cercando una sorte di fidelizzazione che consente di instaurare relazioni umane volte alla conoscenza dell’arte e del nostro territorio.

Tutto ciò tende a garantire una sorte di esclusività all’interno del Palazzo Reale che, grazie ai riscontri dei nostri utenti, portiamo avanti con orgoglio e passione.

 

RIATTIVATO il “SERVOSCALA” per i disabili all’EPT.

Ieri, 10/06/2014, l’EPT di Caserta ha provveduto a rimettere in sicurezza e in condizioni di utilizzo l’apposito servo scala per favorire l’accessibilità al nostro ufficio ai disabilità.
Questa mattina ne abbiamo testato la funzionalità, scattando anche delle fotografie.
Con immenso piacere siamo lieti di poter comunicare che finalmente il nostro ufficio è pienamente accessibile.

Nella foto: Il "servoscala" chiuso

Nella foto: il “servoscala” chiuso

Continua RIATTIVATO il “SERVOSCALA” per i disabili all’EPT.