“Red shoes” di Bertolucci: un corto – denuncia sulle strade inaccessibili di Roma.

Nella foto: un fermo immagine del corto "Red shoes" di Bertolucci

Nella foto: un fermo immagine del corto “Red shoes” di Bertolucci

Abbiamo pensato di condividere con gli amici del Progetto SIT In il cortometraggio girato in prima persona da Bertolucci che mette in evidenza le difficoltà che ogni giorno un disabile in carrozzina deve affrontare per qualsiasi tipologia di spostamento per le vie della “città eterna”.

Ieri, domenica, durante il programma televisivo “Quelli che … il calcio” è stata provata la stessa situazione rappresentata da Bertolucci ma a Milano, dove una dipendente della Rai, accompagnata da una giornalista, tentava di tornare a casa, distante circa 2 chilometri, dagli studi televisivi, in carrozzina. Il percorso è durato circa 2 ore con tantissime difficoltà e diverse situazioni di pericolo.

E’ Trastevere ma potrebbe essere un quartiere qualsiasi di qualsiasi altra città italiana. Red shoes è il titolo del cortometraggio presentato lo scorso anno al Festival di Venezia. Quello che quotidianamente un disabile è costretto a subire ce lo mostra il protagonista, Bernardo Bertolucci, seduto sulla sua carrozzina, filmando in prima persona, accompagnato da rassegnazione e rabbia.

Il regista, di fama internazionale, nel 2000 fu operato per una banale ernia del disco e da lì ne conseguirono quattro operazioni alla colonna vertebrale che tutt’ora lo condizionano ad una sedia a rotelle.

Il corto denuncia le strade devastate di Roma. Sono scarpette rosse quelle che vediamo all’inizio del corto. La telecamera si concentra poi sulle ruote della carrozzina che cercano una stabilità, impedita da sampietrini sconnessi, buche, tombini e rifiuti lasciati per strada. Infine, il rumore della carrozzina, viene coperto dalla morbida voce di Charles Trenet: “Je chante, je chante…”.

Intendiamo unirci all’appello di Bertolucci perchè si può cambiare, si può migliore. Qualcosa possiamo fare noi cittadini, qualcosa possono fare le istituzioni.

Nei prossimi giorni, useremo la nostra carrozzina manuale per provare la condizione di un disabile che deve muoversi autonomamente all’interno della Reggia, in modo da poter evidenziare le effettive problematiche che poi andremo a sottoporre a chi di competenza.

Qui sotto troverete i link della trasmissione di ieri “Quelli che… il calcio”:

Quelli che.. il calcio parte I

Quelli che.. il calcio parte II

 

 

Ripartita la golfcar, ripartiti i tour.

Nella foto: gli operatori del Progetto S.I.T. In, responsabile di Viaggiare Disabili, responsabile Blog italia Accessibile

Continua Ripartita la golfcar, ripartiti i tour.