Mobilità esterna ed interna alla Reggia

MOBILITÁ ESTERNA ALLA REGGIA

minibus
freccia Il nostro minibus Mercedes CDI.mobility

Clicca sul logo “Mobility” per ulteriori informazioni sul servizio

È noto che il sistema di trasporto pubblico su gomma nella provincia di Caserta è da tempo in crisi gestionale, così da non riuscire a garantire un efficiente mobilità dei cittadini sul territorio, tanto più quella di persone con difficoltà di deambulazione.

Attualmente l’Amministrazione provinciale ha provveduto ad indire gara di appalto europea per riorganizzare il servizio ex novo ma prima che si riesca ad entrare “a regime” occorreranno molti mesi.

Per questo il progetto SITIn, per supplire a tale carenza, ha previsto un servizio “dedicato” a prenotazione, e consentire ugualmente la mobilità delle persone con difficoltà di deambulazione.

In questa prima fase, che è comunque di rodaggio, abbiamo avuto a disposizione un automezzo che è stato adattato con una rampa tale da consentire l’accesso a bordo di due carrozzine.

Previa prenotazione presso gli operatori di Ability 2004, i turisti che vogliono visitare la Reggia e il suo parco, potranno, se lo richiedono, usufruire gratuitamente del servizio ed essere accompagnati dalla stazione ferroviaria all’hotel prescelto o direttamente alla Reggia.

Beneficiari del servizio saranno quelle persone che non hanno residenza nella territorio provinciale o che saranno ospitate negli hotel dei comuni di Caserta, S. Nicola la Strada, Capodrise, Marcianise, S. Marco Evangelista, Casagiove, Casapulla (in seguito saranno ampliati gradualmente).

Raggiunta la Reggia si potrà usufruire dei servizi di mobilità interna.

MOBILITÁ INTERNA ALLA REGGIA

golf

freccia I mezzi a disposizione (dall’alto verso il basso): Golf car, macchina elettrica BIRÒ, scooter elettrico, carrozzina manuale ed elettrica

Visitare la Reggia e il parco, specialmente in una bella giornata di sole, è un momento di straordinaria gratificazione ed arricchimento culturale.

La notevole estensione della superficie interna ed esterna alla Reggia rappresenta per una persona con difficoltà di deambulazione un ostacolo alla fruizione piena, essendo oggettivamente difficile la visita completa.

Un’opportunità per visitarla con maggiore consapevolezza, già informati sui percorsi e sulle possibilità di fruizione del suo patrimonio, sono senza dubbio i servizi interni:

freccia disponibilità di uno scooter elettrico, di un Golf Car, di una carrozzina manuale o elettrica per visitare in autonomia i siti, da ritirare presso il front office all’EPT;

freccia disponibilità di un interprete L.I.S. (Linguaggio Italiano dei Segni) per persone affette da ipoacusia o sordità;
freccia disponibilità di un info point fornito di postazioni multimediali per disabilità motorie e sensoriali, alla destra della fontana Margherita;

freccia disponibilità di un servizio di visita guidata (percorso tattile-olfattivo) nel giardino inglese che consente alle persone con disabilità visiva e/o cognitiva una conoscenza “sensoriale” del patrimonio artistico e botanico.

Gli operatori della coop Ability 2004 sono a disposizione dei visitatori tutti i giorni, tranne il martedì:

- orario invernale (novembre – febbraio) dalle 9,00 alle 15,00;

- orario estivo (marzo – ottobre) dalle 9,30 alle 17,30

NORME INGRESSO MONUMENTI

Non tutti sono a conoscenza delle “Norme per l’istituzione del biglietto d’ingresso ai monumenti, musei, gallerie, scavi di antichita’, parchi e giardini monumentali” regolate dal DECRETO MINISTERIALE 20 APRILE 2006, N. 239 (PUBBLICATO NELLA GAZZ. UFF. DEL 26 LUGLIO 2006, N. 172) (scarica il pdf)

Di cui vorremo sottolineare l’art 3 – punti e, i, l, del regolamento che consente l’ingresso gratuito a determinate categorie:

- ai cittadini dell’Unione europea che non abbiano compiuto il diciottesimo o che abbiano superato il sessantacinquesimo anno di eta’. I visitatori che abbiano meno di dodici anni debbono essere accompagnati;

- ai cittadini dell’Unione europea portatori di handicap e ad un loro familiare o ad altro accompagnatore che dimostri la propria appartenenza a servizi di assistenza socio-sanitaria;

- agli operatori delle associazioni di volontariato che svolgano, in base a convenzioni in essere stipulate con il Ministero ai sensi dell’articolo 112, comma 8, del Codice, attivita’ di promozione e diffusione della conoscenza dei beni culturali.